Guida agli acquisti: Dicembre 2014

di

schulz_cover

Schulz e i Peanuts di David Michaelis è un gran bel libro. A me lo ha consigliato, qualche tempo fa, Paolo Bacilieri e l’ho letto con vivo divertimento. Adesso esce in italiano per Tunué. Costa 29 euro e, lo so, sono tanti (specie se confrontati con i 14 necessari per acquistare l’edizione in inglese su amazon), ma il libro è proprio bello e quei soldi li vale.
Tunué, sul suo sito, lo presenta così

«Nella sua vita adulta erano state sue abitudini il porre domande puntute e spesso personali a chiunque incrociasse il suo cammino e la sottile ricerca di una comprensione dei misteri della vita ovunque andasse. Eppure non mostrava il minimo interesse per la comprensione di sé stesso e per le implicazioni della sua opera. Insisteva sul fatto che la sua serie a fumetti parlasse su di lui e per suo conto. Come molti artisti, Schulz sosteneva di poter essere conosciuto solo attraverso il suo lavoro. Nella quiete del suo studio di Santa Rosa, una piccola città nella California settentrionale, raccoglieva le memorie più private e gli aneddoti più personali, ricodificandoli quotidianamente in quattro (e in seguito tre) vignette a fumetti disegnate con cura.»
Anche all’apice del successo, Charles M. Schulz rimase per tutti, amici compre­si, un uomo dalla riservatezza prover­biale e dalla personalità sfuggente. Michaelis prova a espugnare questa «fortezza» per resti­tuirci il vero Schulz, quello che riusciva a rac­contare sé stesso solo disegnando e, in qualche modo, nascondendosi dietro i suoi personaggi. Il risultato è un’opera meticolosa e intelligente, inserita nella collana della saggistica Lapilli Giganti, che davvero riesce a illuminare uno dei più in­discutibili giganti della cultura.

HellBoyLibrary3_COVER_

Chissà se è vero, come dice Wuz, che a dicembre esce il terzo volume della biblioteca di Hellboy di Mike Mignola per Magic Press. A me questa edizione piace molto ed è passato tantissimo tempo dal secondo volume. In questo, per 35 euro, ci sono il Verme conquistatoreStrani luoghi. L’edizione americana si compone di oltre 300 pagg. e Dark Horse la descrive così:

Hellboy Library Edition Volume 3 collects three pivotal stories of Hellboy’s journey, as he leaves behind the world of men and journeys into the unknown: the award-winning Conqueror Worm, which brings back some of Hellboy’s earliest foes, in the story that ends his career with the B.P.R.D., and marks his first run-in with the fan-favorite masked hero Lobster Johnson; the haunting fairy tale The Third Wish; and The Island, a dark and surreal glimpse into the true origin of the Right Hand of Doom and Hellboy’s own destiny; along with a new, expanded sketchbook of never-before-seen Mignola artwork.

SCUM

Dice che ES ristampa S.C.U.M., il manifesto per l’eliminazione dei maschi di Valerie Solanas. Mai comprato un libro di ES (o di SE) subito dopo l’uscita. Riesco a pazientare anche 6/8 mesi e ad acquistarlo, con tutta calma, in un remainder’s a metà prezzo.
S.C.U.M. è questo libro:

“In questa società la vita, nel migliore dei casi, è una noia sconfinata e nulla riguarda le donne: dunque, alle donne responsabili, civilmente impegnate e in cerca di emozioni sconvolgenti, non resta che rovesciare il governo, eliminare il sistema monetario, istituire l’automazione globale e distruggere il sesso maschile. [...] Il maschio è intrappolato in una zona d’ombra a metà strada tra l’essere umano e la scimmia; ma sta molto peggio delle scimmie perché, al contrario di esse, dispone di una vasta gamma di sentimenti negativi: odio, gelosia, disprezzo, disgusto, sensi di colpa, vergogna, insicurezza e, come se non bastasse, è consapevole di ciò che è e di ciò che non è. [...] Gli uomini irragionevoli, malati, che tentano di difendersi dalla loro ignominia, alla vista di SCUM che gli rotola addosso si aggrapperanno terrorizzati alla Grande Mamma con le Grandi Tette di Gommapiuma, ma le Tette non li salveranno da SCUM; la Grande Mamma si aggrapperà al Grande Papà, che se ne starà rintanato in un angolo a cacarsi sotto nelle sue brache da Superman. Gli uomini ragionevoli, invece, non scalceranno, non lotteranno, non solleveranno penose proteste, ma se ne staranno seduti col cuore in pace, rilassati, e si godranno lo spettacolo abbandonandosi alla deriva verso la fine.”

Emme-cop

La casa delle meraviglie, curato da Loredana Farina ed edito da Topipittori, racconta in 200 pagine la storia del progetto editoriale di Rosellina Archinta. Sono in trepida attesa di questo libro. Per lenire l’inquietudine, in questi giorni, continuo a sfogliare Giallo Giallo di Frank Asch e Mark Alan Stamaty, appena ristampato da Orecchio Acerbo.

Nessuno lo sa, ma c’è una casa editrice italiana che fra il 1966 e il 1985 ha pubblicato Calvino, Moravia, Joyce, Arbasino, ha lavorato con artisti come Sonia Delaunay e illustratori come Maurice Sendak, designer come Enzo Mari e Bruno Munari. Nessuno lo sa, ma questa casa editrice ha partecipato attivamente a un grande movimento di rinnovamento del libro, insieme ad altre case editrici francesi, statunitensi e tedesche che hanno rivoluzionato il gusto e il mercato. Pochi lo ricordano, ma i suoi libri ancora oggi contribuiscono alla fortuna di alcune case editrici.
Questa casa editrice è la Emme Edizioni, fondata a Milano da Rosellina Archinto nel 1966. Alla storia della Emme Edizioni di Rosellina Archinto è dedicato La Casa delle Meraviglie: una lunga storia fatta di creatività, fortuna, intuizione, capacitą e professionalità. Una storia parallela a quella della città in cui Emme Edizioni è nata, Milano, allora connotata da un grande vitalità in ogni ambito dalla vita e della cultura: dalla letteratura, al design, dalla musica all’industria, dall’arte alla politica.
La Casa delle Meraviglie non è un libro per appassionati di letteratura per ragazzi e bibliofili, ma un libro per tutti coloro che amano la cultura, i libri, il pensiero, le immagini: un grande affresco che va al fondo di questioni cruciali per la vita culturale del nostro Paese, mostrando come la letteratura per bambini sia cosa serissima, componente fondamentale per la crescita delle nuove generazioni e per la nostra vita civile

8 Risposte to “Guida agli acquisti: Dicembre 2014”

  1. nandotur Says:

    Questa dei prezzi eccessivi delle edizioni italiane di volumi stranieri è una cosa che mi lascia sconcertato. Ora ti parlo in particolare di Schulz e i Peanuts, ma vale per la gran parte dei libri a fumetti tradotti. 29€ o 25, sfruttando gli sconti che si trovano online, per la versione italiana cartonata di un testo che in originale l’editore ha stampato solo in paperback e che bookdepository mi recapita a casa con 12€? Ma perchè cartonato poi?
    Ancora peggio poi quando la versione italiana brossurata di un volume cartonato,rilegato con sovracoperta costa più dell’originale (un esempio: Io le pago di Chester Brown, brossurato 18€, contro l’originale Paying for it, rilegato, acquistato a €12,60.
    E ti ho nominato traduzioni di 2 editori italiani (Tunuè e Coconino) che stimo molto per la selezione di pubblicazioni e dei quali acquisterei sicuramente più libri se i prezzi fossero paragonabili agli originali.
    Avevo letto in giro che i traduttori in Italia sono pagati a prezzi ridicoli e allora perchè tanto divario?
    Ma quanto costano le licenze per tradurre volumi non mainstream?
    Ma che davvero pensano che da lettori possiamo diventare tutti sostenitori, con gli spiccioli che ci restano in tasca?

  2. sparidinchiostro Says:

    Temo che non c’entri il prezzo della licenza, ma il numero di copie vendute. Il mercato italiano è piccolo e quei libri vendono un migliaio di copie se va bene.
    Se prendere i diritti, tradurre, adattare, impaginare, stampare e legare un libro ti costa – chessò -12.000 euro (e il traduttore, il grafico, il letterista, lo stampatore, il legatore, … li devi pagare) quel costo lo devi poi spalmare su 1000 copie.
    A quello devi aggiungere i soldi per la struttura (uffici, magazzini e impiegati), più che raddoppiare il prezzo per distributore e venditore e metterci su la marginalità.

    Dici che 12.000 euro sono troppi? Anche 1000 copie, purtroppo.

  3. franzfonta Says:

    E’ un mercato di nicchia…

    L’unica salvezza sono gli sconti online “regolari” e quelli periodici, ancora più ghiotti, che mi permettono di smarcare qualcosa dai miei desiderata (lista infinita ed auto-alimentante).

  4. MassimilianoClemente (@maxcle) Says:

    Grazie della segnalazione, Paolo.
    In risposta a Nandotur, che ringrazio per la stima nei confronti della Tunué, posso dire che i prezzi dei libri italiani sono tra i più bassi al mondo, così come gli indici di lettura d’altronde, aspetto che dovrebbe far schizzare il costo dei volumi alle stelle…
    Nel merito della biografia su Schulz, più di 700 pagine in traduzione, la scelta del cartonato (e della rilegatura a filo, e dell’effetto UV in copertina, solo per rimanere agli aspetti cartotecnici) offre al lettore un libro «per sempre», un oggetto da collezione, un degno contenitore per una prima edizione.
    Capisco i problemi dei lettori, perché sono anche i miei, ma vorrei fosse chiaro che il libro va pagato e non svenduto.
    Buone letture!

  5. sparidinchiostro Says:

    @maxcle: Sono felice della traduzione di Schulz e i Peanuts. E sono sicuro che le scelte cartotecniche siano oculatissime.
    Però, temo che “i prezzi dei libri italiani sono tra i più bassi al mondo” si riferisca al valore medio del mercato. I cinque euro delle 50 sfumature che occupano ancora oggi posti importanti nella classifica dei libri più venduti incidono su quella media in maniera significativa.
    Sarebbe interessante capire la composizione del paniera che determina quella classifica. Mi pare – ma è solo la sensazione di un acquirente compulsivo con il browser sempre aperto – che in Italia i libri con le figure (non solo i fumetti) abbiano costi da piani alti della classifica.

  6. Ipofrigio Says:

    Scusa, non c’entra niente, ma non ho potuto non notare che non parli quasi mai di Ciacci.

  7. sparidinchiostro Says:

    Ciacci? BDA?

  8. mabertoli Says:

    CIACCI!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.611 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: