La razza eletta

di

Ricordo l’eccitazione di Bernie per “Master Race”. Finalmente un soggetto che lo attanagliava nel profondo e che gli chiedeva tutto quello che poteva dare. Ne fu ossessionato.Non appena cominciò a lavorare alla storia, l’8 marzo del 1954, si trovò a immaginare cosa avrebbe potuto fare se solo gli avessero dato abbastanza spazio. Lavorava da casa in quei giorni e io soffrivo con lui, mentre implorava al telefono Al Feldstein e Bill Gaines (rispettivamente il supervisore e l’editore) per avere dodici, e poi dieci, e infine otto pagine, in luogo delle sei che gli erano state concesse. Quanto lavorò per tagliare la sceneggiatura e per poi rimetterla in pagina! Era consapevole di aver creato qualcosa di straordinario. E me lo disse.
“Davvero pensi che se ne accorgeranno? Che capiranno?” gli chiesi.
“Oh, sì. Capiranno. Sapranno.”
E aveva ragione.

(Natalie, moglie di Bernard Krigstein, ricorda la nascita di “Master Race”. Il pezzo viene dalla prefazione a Greg Sadowsky, B. Krigstein, Fantagraphics, 2002)

Il fumetto di cui Natalie parla è questo. Buone feste.

Tag:

5 Risposte to “La razza eletta”

  1. Ipofrigio Says:

    Un’incomparabile disamina ne è resa da Howard Jacobson nel suo romanzo «Kalooki Nights» del 2006.

  2. Daniele Barbieri Says:

    Uno dei fumetti più citati della storia. E a ragione. E siamo nel ’54 (e tra l’altro anche di quel tema non è che si fosse parlato molto sino ad allora, e nel mondo del fumetto niente).

  3. sparidinchiostro Says:

    Marco: 600 pagine di romanzo? Ma allora mi odi. Io amo i racconti. Però brevi.

    Daniele:in quei mesi Krigstein è gigantesco, I pochi fumetti fatti per la EC sono continua sperimentazione sul racconto.

  4. Daniele Barbieri Says:

    Sì. A suo tempo ne pubblicò qualcuno Dolce Vita

  5. Di crimini inconoscibili | Spari d'inchiostro Says:

    […] ci sono interviste a Silver e Eddie Campbell, c’è un pezzo di Daniele Barbieri su Master Race di Bernard Krigstein, c’è il Garage Babeuf di Boris Battaglia (che questa volta parla dei fumetti di Milo Manara, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.612 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: