Money for dope

Qualcuno ha sentito il disco di Daniele Luttazzi?

Dopo oltre un mese di ottime recensioni e interviste rispettose, mi sono deciso e l’ho acquistato (approfittando del fatto che Feltrinelli lo vende a una dozzina di euro). Spero non paia brutto se risolvo tutto quello che posso dire sul cd con: suoni vecchi ed esecuzioni di maniera. Per questo mese – al grido di “VIVA I NUOVI SUONI!” – continuo ad ascoltare Cole Porter e i Talking Heads.

Advertisements

5 pensieri su “Money for dope

  1. ecco letta l’autopsia di un amore perbene. m’è piaciuta molto la prima parte dell’articolo, ed è belississimisssima l’immagine dell’uovo roto dalle due parti (molto meno quella del nano che esce dal baule). della complicità invece forse non so bene cosa farmene (ma cosa vuoi da un burbero?).
    la teoria dell’autore mi sembra l’abbiano inventata ai cahiè de cinema long time a go (scusa l’ortografia inglese, francese e italiana!!!) ma credo già da tempo loro stessi l’habbiano abbiurata. ormai ci credono solo fumettisti e illustratori, naufraghi agrapati a un salvagente bucato.
    cerehvrolet

  2. Canta e compone… purtroppo.
    E ci sono momenti di poesia
    “you have to know / Vienna Vienna / to understand these words / completely”

    Peccato. un po’ mi cade un mito (il piedistallo era basso, ma pur sempre di caduta si tratta)

  3. Money for dope è un gran disco. E’ superiore alle vostre possibilità critiche. Purtroppo per voi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...