Memorie dall’invisibile
Annidarsi negli sprechi della società non è reato.
Ti infili nelle abitazioni che i padroni abbandonano temporaneamente (per una vacanza, un weekend, un viaggio di lavoro). Commetti un’effrazione (uno scasso perfetto che non danneggia le serrature) e qualche piccolo furto (un po’ di cibo, sapone, dentifricio, gas,…) e occupi una zona temporaneamente autonoma. Il legittimo proprietario, al rientro, troverà la casa nelle condizioni in cui l’ha lasciata. Anzi migliori. Perché hai riparato i danni di cui una casa è piena, hai fatto il bucato, hai curato le piante, hai eseguito tutte le piccole manutenzioni di cui ogni abitazione ha bisogno e che solo Valerio (il mio vicino di casa, odiato da tutti i maschi del mio condominio maschilista) esegue con sistematicità ossessionante.
Vorresti essere invisibile agli occhi della società e, in una delle case che in parte violi e in parte gratifichi con la tua presenza, incontri una donna che invisibile lo è già. Quella stessa società ai cui occhi non vorresti mai apparire nega la presenza di questa (e di ogni) donna succube di un marito violento.
E con questa donna ti avvii lungo un percorso di conquista dell’invisibilità. Ma la società e le istituzioni te lo impediscono. I pugili ti riempiono di botte, i mariti tornano, i poliziotti sono violenti e anche le palline da golf ti tradiscono.
E allora l’invisibilità te la devi conquistare sulla via del guerriero. Con un percorso da samurai giapponese. Anche se sei coreano. E alla fine la raggiungi e diventi così bravo da essere dove vuoi e non esserci.
Quell’ultima inquadratura, poi, spiega chiaramente che non solo sei invisibile ma che insieme alla donna che ami puoi addirittura svanire.
Ferro3 di Kim Ki-Duk
.

FERRO3

Annunci

32 pensieri su “

  1. Credo che ancora più difficile sia passare dalla visibilità all’invisibilità.
    Invisibile per scelta, adesso, nella mia casa come in quelle degli altri come nella vita degli uomini che ho amato e che adesso non ho più.
    Forse è necessario rendersi invisibili agli altri per far sopravvivere un amore…

  2. ho rivisto il film adesso (col mio figlio che lo ha voluto mettere fra i suoi, dunque è un film x bambini) e mi sono reso conto che i due protagonisti NON parlano per TUTTO il film!
    cosa di cui alla prima visione non m’ero reso conto (non a caso dicevano mia madre, mio padre e i nonni che sono un coglione)
    lui neanche 1 (una) parola
    lei 6: ti amo – la colazione è pronta – negli ultimi cinque minuti di film.

    cerebroleso

    quiis:
    qual è il film parlato che non ha dialoghi nella prima mezz’ora e nell’ultima mezz’ora?

    quello che vince riceve a casa un cd con la copia pirata di Ferro3.
    Cavea, del primo commento, non può partecipare

  3. Le Conseguenze dell’Amore
    Scheda Trama Giudizio
    Il film. Una sceneggiatura intelligente. Un film quasi muto.

    Azeglio

  4. Con Tatjana (1994) il cinema di Kaurismaki raggiunge la sublimazione. Il film, quasi senza dialoghi, costruisce un mondo tenero e disperato, quotidiano e al tempo stesso surreale.

    azeglio

  5. noooooooooò
    film finlandese non vale
    loro non parlano mai
    che gli si congela la lingua gli si congela
    cerebroleso

  6. sìììììììììììììììììììììì
    bravissimo
    azeglio vincitore del quiss
    dove ti mando il cd pirata?

    cerebroleso

  7. vedendolo in tv non avrei mai immaginato che lei fosse in grado di risolvere un quiiss
    cerebroleso

  8. senta
    il blog e chiuso per ferie
    ma mi lasci
    a nome del padrone di casa in vacanze
    e degli altri suoi cinque lettori
    di digli che siamo onnorati della sua presenza qui fra noi

    cerebroleso

  9. no no no no no
    la mia penna stilografica mi aveva macchiato la giacca di pelle di allligatore e cercavo informazione su come pulirla
    azeglio

  10. cose che capitano con google
    in fondo non si trova mai quello che si cerca
    cerebroleso

  11. eh sì
    già lo diceva gianna nannini
    cercheraaaaaaaaai
    mi han detto sempre
    cercheraaaaaaai
    azeglio

  12. cavoli come canta bene azeglio

    allora, li spedisco il cd pirata

    mi raccomando non glielo facccia vedè a urbani che possiamo inciampare in noie legali

    cerebroleso

  13. grazie del cd pirata!
    il film ci è piaciuto parecchissimo
    a Franca il finale li ha fatto venire in mente quello di
    Donna Flor e i suoi due mariti
    Azeglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...