Spiegelman 11/9

Annunci

12 pensieri su “

  1. yes,
    us people are just poems
    we’re 90% metaphor
    with a leanness of meaning
    approaching hyper-distillation
    and once upon a time
    we were moonshine
    rushing down the throat of a giraffe
    yes, rushing down the long hallway
    despite what the p.a. announcement says
    yes, rushing down the long stairs
    with the whiskey of eternity
    fermented and distilled
    to eighteen minutes
    burning down our throats
    down the hall
    down the stairs
    in a building so tall
    that it will always be there
    yes, it’s part of a pair
    there on the bow of noah’s ark
    the most prestigious couple
    just kickin back parked
    against a perfectly blue sky
    on a morning beatific
    in its indian summer breeze
    on the day that america
    fell to its knees
    after strutting around for a century
    without saying thank you
    or please

    (Self evident Ani Di Franco)

    http://www.righteousbabe.com/ani/l_self_evident.asp

  2. Nelle nostre abitazioni per rispondere ai nostri bisogni, saremo approvvigionati di immagini e di sequenze di suoni, che si manifestano a un piccolo gesto, quasi un segno, e poi ci lasciano.

    Paul Valery, Pièces sur l’art, 1934.

    1934! e io che credevo che era il tuo amico brolli che per primo aveva creduto nelle possibilità della rete!

    Regina di Troia

  3. Bè… Alcune cose sono divertenti. A me piace la sua rubrica su pulp. Ho letto un romanzo e i racconti (i finti classici, mentre uscivano su frigidaire e cyborg) e non ricordo nulla, quindi sospetto mi siano stati indifferenti (in realtà del romanzo mi sembra di ricordare si trattasse di un brutto american psyco e a me non era piaciuto neanche l’originale).
    Come curatore editoriale mi sembra si lanci in iniziative meritevoli mancando il bersaglio grosso (penso a cyborg, alla iasfm, alla gioventù cannibale, alle antologie cyber e splatter punk, a baribal, …)

  4. appunto
    grazie a loro (i motori) è pienamente dimostrato che la proprietà intellettuale i primi a violarla e fregarsene il cazzo sono quelli che poi ci prendono i diritti…
    sciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...