Monopoli

Monopoli

Mi dicono che a Monopoli ci sia stato il convegno degli italianisti. Una roba noiosa il cui tema centrale era una cosa del tipo “10 anni di associazione italianisti italici”. C’è stato però un momento vivo e quasi di polemica. Intendiamoci, parlo del massimo dello scontro dialettico che può essere espresso dall’associazione degli italianisti: neanche un vaffanculo piccino picciò…
Il dibattito è avvenuto tra filologi e critici. I filologi affermavano in buona sostanza (così mi è stato riferito, il tutto potrebbe essere – e sicuramente è – molto più sfumato): la filologia è una scienza; tutti i filologi sono buoni critici, non tutti i critici sono buoni critici.
I critici dicevano: la filologia è una tecnica (indispensabile) che produce semilavorati su cui operare critica; alcuni filologi sono anche critici, tutti i critici sono critici.
Mentre stamattina in treno mi riferivano lo scontro, un po’ mi annoiavo pensando che ‘sta gente non è riuscita ancora a riprendersi dagli anni 70.
Però poi in metro (mentre cercavo di leggere un libro di Guido Crainz, uno che gli anni 70 li ha vissuti e poi raccontati – benissimo! – con piglio da storico), non riuscivo a smettere di pensarci.
E se avessero ragione i filologi?

Annunci

Un pensiero su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...