Strumenti e quisquilie

La chiave rotta di Klee

– E allora?
– Allora cosa?
– ‘sti strumenti. Prometti, prometti, e poi ti dissolvi in una nube di quiddità.
– Una che?
– Non fare l’idiota!
– Scusa… Hai ragione. Ho qualche problema.
– Come tutti!
– Hai ragione, ma a me i miei problemi danno più fastidio di quanti me ne diano i tuoi.
– Hmmm… Il solito egoista!
– Sì. Certo, certo. E’ che sto cambiando mestiere e questo mi ha modificato un po’ i ritmi vitali. La mezz’ora per scrivere le mie amenità da mettere qua sopra, in questi giorni, non la trovo.
– Sai che c’è? Trovo veramente insopportabile chi dice di non fare cose perché non ha tempo. Il tempo si trova. E’ solo questione di priorità.
– Vabbé… Vuol dire che, in questi giorni, il blog non è una priorità.
– Però avevi promesso…
– Certo. Avevo detto che avrei parlato dei miei strumenti, ma ho capito una cosa.
– Parla.
– Sono capace di enumerarli, ma se cerco di descriverli mi scopro abbastanza confuso.
– Come sempre…
– Fanculo. Lasciami parlare. Questo significa che si tratta degli strumenti che mi piacerebbe avere. Non sono quelli che posso pescare a piacimento dalla cassetta degli attrezzi.
– Bé… Se sai di averli puoi farne quello che vuoi.
– Non so tu. Ma io a casa ho una cassetta degli attrezzi magnifica. L’ho comprata in uno di quei centri per il bricolage e dentro c’è di tutto. Il problema è che non so quando li devo usare tutti quei robi. Capita di prendere un cacciavite per tagliare lo scotch di uno scatolone arrivato per posta.
– Io uso le chiavi.
– Così, una volta, le ho rotte.
– Ma non è possibile.
– Certo. Mi è rimasto il tondino in mano. Quanto ho bestemmiato.
– Dài! Non divagare. Torniamo agli strumenti.
– Certo. Ho scritto su una paginetta quelli che mi piacerebbe avere e ho scoperto che posso raccoglierli in quattro gruppi di tre.
– Ah… Allora sono tanti.
– Sono solo dodici (e sospetto ci siano ridondanze).
– Bé… se son pochi ne puoi parlare.
– Certo, ma non ora.
– Ma…

Annunci

9 pensieri su “

  1. Spari ti ho sentito a Bologna. Non dico “ti ho visto” perché ero in fondo alla saletta feltrinelli, seduto sul pavimento, accanto a una tipa minigonnata in piedi (la cosa era casuale, cioè io quando entro in modalità “cultura” sono superiore a tutto). Insomma zero visuale, ascoltavo solo, domande in italiano e risposte divertenti in francese. Avrei voluto salutarti ma sono scappato poco prima della fine per non far tardi a un altro incontro. Vabe’
    Però ho bevuto una birra con Bardamù!
    andrea barbieri

  2. io non ti ho sentito (avevo il walkman a palla) ma ti ho visto
    giuro che non che ti ricordavo così bello!

    cerebroleso

  3. Effettivamente accanto a me c’era un tipo che masticava sgnaccherando una palla di cinnamon, ascoltava la compilation degli “Elettroliti Ambulanti GmbH & Co.KG” (gruppo rumorista di Lugo) e ti osservava attraverso un piccolo periscopio di cui si era dotato. Il tizio, in piedi, era comunque minuscolo, sarà stato quaranta centimetri. Ti osservava e digrignava i denti. Pensavo leggesse il labiale, ma evidentemente no. Ogni tanto canticchiava Troll-allero Troll-allà… 🙂
    andrea barbieri

  4. AB: E’ destino che non veda il tuo ciuffo imbrillantinato da pattinatore…
    C: sei indietro come le balle dei cani. il walkman non lo usa più nessuno. devi passare all’ipod
    M: non fare l’inserto pubblicitario…

  5. Cazzo che BLOGGHE! non sapevo esistesse e mi fa ridere pensare che io snobbo (nel senso che non li compro più, robba vecchia) Gionne Doe e Gipi allo stesso modo.
    Minkia, Spari, M. ma che palle ste robbe, dai, il fumetto popolare è quello che vende di più e in effetti, se guardiamo qual è il tipo di carta che vende di più, ci rendiamo conto che è l’Igienica, e che la stampa, con inchiostro biologico, ce la facciamo noi, il popolo, tutte le mattine, da soli. Più popolare di così.
    D.

  6. Ma Exit Di Ott non è uscito 10 anni fa, forse di più?
    Aaaaaaah, forse bisognava TRADURLO!

    Mi sono fatto grasse risate!!

    D.

  7. sono a milano cartoomics
    qualcuno passa?
    stand D01, area studi, cfapaz con mini mostra 20 anni schizzo

    penso che meriti la visita soprattutto e essenzialmente la fabbrica del fumetto dei cani

    M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...