Walt Whitman

E’ vero. Batto la fiacca. Il fatto è che sono un po’ depresso. Non incazzato o scazzato. Proprio depresso. E per me è condiziona nuova. Non sono abituato.
Vivo di lavoro, di affetti e di progetti miei (il cazzeggio). E non sono capace di separare i piani: gli affetti, il lavoro e i progetti mi si mischiano continuamente.
Il mio lavoro sta subendo derive che non capisco (e che forse non posso gestire) e questo mi fa sentire disarmato. E abbastanza demotivato. Ho progetti che mi piacciono, ma sono tutti alla linea di partenza. E l’attesa mi snerva.
In questa condizione, in verità merdosetta, anche gli affetti un po’ ne risentono. Sono stronzo e incostante. Anche più del solito.
Ora si tratta solo di prendere tutta questa apatia, che mi cola addosso come fosse pece, e trasformarla in uno YAWP.

The spotted hawk swoops by and accuses me, he complains of my gab and my loitering.
I too am not a bit tamed, I too am untranslatable,
I sound my barbaric YAWP over the roofs of the world.

Annunci

3 pensieri su “

  1. me g’ho miaa capiit lustéss
    cusél el YAWP

    cmq ti capisco in parte anch’io…
    sob

    MicGin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...