L’edicola è una giungla

Copertina di Rolling Stone. Un tempo negli USA questo era il tempio del giornalismo gonzo. Ci crederesti?

In simpatica posa da Totò, con un sacco di capelli e schiacciato in un’immagine che richiama – per sorriso e scelta cromatica – la nota locandina di Obama, il capo del governo fa capolino, da questa mattina, in tutte le edicole italiane.
Cosa non si farebbe per vendere due copie in più.
Fortunatamente Hunter Stockton Thompson è morto e non gli tocca di assistere a questa sessione di Paura e Delirio a Vanzeghello.

Annunci

13 pensieri su “L’edicola è una giungla

  1. ricorda l’hope di Obama perché è fatta dallo stesso tizio, Shepard Fairey.
    e c’è anche qualcosa della O’Connor che strappò la foto del papa, mi sembra.
     
    Per il resto provo solo orrore, orrore, orrore…

  2. Mi fanno entrambi orrore, il pres del cons e rollingstone, una delle riviste più stupide in circolazione (per dire: Top Girl credo sia decisamente meglio, ne ho sfogliato un numero l’altro giorno).
    Ogni nazione ha le rockstar che si merita.

    anonimo "ex n. 33"

  3. Al secondo posto, come rockstar dell’anno, c’è Obama e al terzo Ratzinger.
    Sarà?

    Adesso, io non sono uno storico di RS USA, ma mi sa che non nixon in copertina come rockstar dell’anno non ce l’ha mai avuto. Forse Obama l’anno scorso, ma era cosa che faceva fico in quel momento.

  4. Bon!
    Mio malgrado mi sono iscritto a splinder. così siamo a posto con gli anonimi.
    uffa che ddobbbale….

    ps: vediamo chi indovina dove è stata scattata la foto del mio avatar…

  5. Il mio bimbo di Olivier Schrauwen
    e
    La signorina Elsa di Manuele Fior
    sono gli UNICI fumetti  VERAMENTE disegnati bene pubblicati in Spaghettiland quest’anno (escludendo i supereroi americani, ovviamente, che sono di solito altrettanto bravi). Tutti e due anche con una grandissima forza narrativa.
    Ex-equo per lor dunque, il premio Cerebroleso Best Comic of The Year!

    cerebroleso

  6. Ops, mi scusi, signor Arthur!

    Il mio bimbo di Olivier Schrauwen
    e
    La signorina Else da Arthur Schnitzler, adattamento di Cristina Saracino e disegni di Manuele Fior
    sono gli UNICI fumetti  VERAMENTE disegnati bene pubblicati in Spaghettiland quest’anno (escludendo i supereroi americani, ovviamente, che sono di solito altrettanto bravi). Tutti e due anche con una grandissima forza narrativa.
    Ex-equo per lor dunque, il premio Cerebroleso Best Comic of The Year!

    cerebroleso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...