Ehsan

by

Ehsan_Shafiq

Mi piacciono le arti marziali. Ma mi piacciono tanto. Per anni ho indossato una tuta bianca di cotone, mi sono allacciato una striscia di stoffa in vita e sono entrato in un dojo quasi tutti i giorni. Poi, all’improvviso e senza un reale motivo, ho smesso di farlo. Sono passato da 6/8 ore di calci e pugni ogni settimana a niente.

Oltre vent’anni dopo, ho ricominciato ad andare in palestra. Stessa palestra, stesso maestro, compagnucci di corso tutti nuovi e con un’età che oscilla tra la metà e un terzo della mia. Adesso – se ho tempo, se il fisico mi tiene e se mi ci vogliono – vado a far scricchiolare le giunture e tento di non farmi incrinare le costole (e mica ci riesco sempre). Dovrei andarci due o tre volte la settimana ma, se sono in stato di grazia, riesco a indossare il mio karategi anche cinque volte in un mese.

Praticare un’arte marziale negli anni di youtube significa che, se hai uno scarso controllo sulle tue ossessioni, puoi trascorrere molte notti a guardare video di maschi e femmine che si prendono a pedate. Dopo un po’, youtube impara a conoscerti e – tra un noioso video virale, una sparata di grillo, una raccolta di video amatoriali con persone che cascano dalla bici e quasi muoiono facendoti ridere – ti suggerisce cose interessanti. Come oggi, per esempio.

Ho trovato dei video di Ehsan Shafiq, un maestro di kung fu afgano. Se ho capito bene è uno dei due figli di Wahidullah Shakif, primo maestro di kung fu in Afghanistan (ma chissà se è vero? Nelle arti marziali c’è una corsa irrefrenabile alle primogeniture). Ehsan inizia a praticare da bambino e dopo un po’ si trasferisce a Londra. Partecipa a gare di combattimento nelle discipline più disparate senza trovarsi mai (almeno nei video che ho visto io) di fronte ad atleti significativi, e forse è proprio per questo che riesce a fare i suoi salti e a tirare i suoi calci. I pochi video che si trovano in rete (raccolti quasi tutti sotto un account youtube a suo nome) ce lo mostrano durante incontri di kung fu, karate, taekwondo e kick boxing. La pagina spagnola di wikipedia, l’unica che gli dedica una voce, dice che è stato cinque volte campione del Regno Unito e una volta campione europeo (ma, anche qui, chissà di quale federazione? Ché nelle arti marziali, che di loro tollererebbero poco l’agonismo, ci sono sempre un sacco di campioni nazionali, europei e addirittura mondiali).

In ogni caso, quando vedo la scelta di tempo con cui tira quel calcio circolare all’indietro – quello che nel karate si chiama ushiro mawashi geri e nel kung fu non so – mi emoziono. Sono una mente semplice e non riesco a rimanere freddo di fronte a un knock out.

Ehsan è morto d’infarto poco più di un anno fa, nel giugno del 2012. Aveva 37 anni.

Qui, nel 1996 a Islamabad, incontra un karateka e lo suona. Non è un granché e alla fine è un po’ a corto di fiato, ma provaci tu a roteare le gambe per 3 minuti.

Qui, nel 1998, durante la finale di un campionato pachistano di un’arte marziale che non ho riconosciuto.

Qui, nel 1999 a Nemat Mahal, fa a pedate con uno di taekwondo e gli infila per due volte di fila la stessa tecnica. La seconda volta lo lascia per terra.

E qui, un incontro di kick boxing nel 2007 a Londra.

E, infine, per chiudere in tristezza, qui nel 2010, un bel po’ appesantito, fa una dimostrazione di kung fu durante quella che sembrerebbe una comunione, ma in realtà è il raduno degli studenti afgani a Londra.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: